In barba a chi non sembrava d’accordo, ieri il verdetto è arrivato, con la vittoria dei Sì. Ma sappiamo tutti veramente cosa è stato deciso!?

Sì Nucleare: gli italiani hanno deciso per la cancellazione del programma riguardante le centrali nucleari in Italia [Averle in Francia e nei paesi europei limitrofi non mi fa tirare un sospiro di sollievo, e non posso nemmeno più sperare nella riduzione dei miei costi annui delle bollette, ma dopo il Giappone non ci si poteva aspettare un risultato differente, da notare però che la percentuale dei NO risulta la più alta fra i 4 quesiti]

Sì acqua pubblica (1): non si dovranno fare gare ad evidenza pubblica per individuare il partner privato nella gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. [Questo non significa che l'acqua è rimasta pubblica, perchè lo sarebbe stata comunque, si è deciso solo sulla rete distributiva, o meglio su chi la gestisce. Speriamo che questa decisione non diventi "No concorrenza, no party" nel senso che in qualsiasi mercato nel momento in cui c'è una gara le aziende danno il meglio per essere scelte e rinnovate, in questo caso bisogna incrociare le dita]

Sì acqua pubblica (2): praticamente inutile vista la vittoria del quesito precedente.

Sì legittimo impedimento: è stata abrogata la legge che prevede per il presidente del consiglio e per i ministri di potersi sottrarre alle udienze per processi in cui sono imputati se esse sono in concomitanza con impegni istituzionali. [Qui hanno vinto tutti gli antiberlusconi, ma anche tutti quelli che vorrebbero "La legge è uguale per tutti" non solo come scritta che campeggia nei tribunali ma come affermazione in cui riporre speranze]

Liberi tutti insomma: quesiti poco discussi come risultati (la vittoria dei Sì è stata clamorosa e poco c’è da dire in merito) e poco discussi pre elezioni [non so quante persone ho sentito parlare in merito al quesito sull'acqua con la paura che gliela togliessero: mala informazione mode on].

Tutto sommato sono contenta dell’afflusso, anche se mi piacerebbe sapere la posizione e la motivazione di quel 43% di popolo italiano che non si è mosso in merito. Mi sembra un dato da lasciare a bocca aperta e su cui, secondo me, andrebbe la pena discutere

Share if you like! :)
Pinterest Twitter Facebook Posterous Email