La figlia del capo

Arriva una nuova ragazza in ufficio, il cognome è noto ai colleghi.

Inizia il vociare nei corridoi:
“è raccomandata”…
“le risorse umane le hanno dato una spinta”…
“non vale il ruolo che le daranno”…
“era ovvio che venisse a lavorare con il papà”…
“la meritocrazia non conta niente”…

Frasi fatte, banali e scontate. Sensazioni di fastidio, invidia e rammarico. Tutti hanno da dire la loro in merito, anche se non richiesta. Tutti smaniano dalla voglia di ricamare sulla situazione. Voli pindarici fanno capolino nei discorsi, e ormai ci si aspetta di tutto.

Poi l’esito della selezione: le risorse umane la scartano all’ultimo colloquio: conflitto di interesse con il papà/collega. Ironia della sorte, fregata dalla sua stessa raccomandazione

Share if you like! :)
Pinterest Twitter Facebook Posterous Email

1 Comment

  1. I precisely desired to say thanks again. I’m not certain the things I could possibly have achieved in the absence of the basics contributed by you about my area of interest. Completely was a challenging circumstance for me, but being able to view a expert avenue you dealt with it forced me to cry for contentment. Extremely grateful for the advice and believe you are aware of a powerful job that you’re accomplishing educating many people all through a site. I’m certain you’ve never come across all of us.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

→ Translate

→ Chi sono

Se fossi nata renna, sarei stata una sovversiva. Mi sarei ribellata a quel grassone con la barba bianca e non avrei mai collaborato, pacificamente, per la consegna dei regali

Day by day

January 2021
M T W T F S S
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031